Citizen Super Skyhawk A-T Titanium JY0080-62E. Prova al Polso.

A distanza di pochissimo tempo dal mio ultimo acquisto (Citizen Evolution 5 World Timer) non ho potuto resistere alla tentazione di aggiungere alla mia crescente collezione uno splendido esemplare di Analogico-Digitale (genere che preferisco in assoluto).

Si tratta di un Citizen Super Skyhawk A-T Titanium (JY0080-62E), un “Aviator” che non si fa mancare proprio nulla: radio-controllo (3 bande: USA, EUR e JPN), energia solare (Eco-Drive) e materiali pregiati, quali titanio (per cassa e bracciale e vetro zaffiro). 

L’orologio si presenta di dimensioni abbastanza generose (circa 45 mm di diametro per circa 15 mm di spessore), ma grazie al Titanio risulta incredibilmente leggero e solido (la sensazione che mi trasmette questo materiale è a dir poco unica…tanto da farmelo spesso preferire al classico acciaio, soprattutto per gli orologi più tecnici e sportivi).

Il quadrante è di colore nero opaco (come su gran parte degli orologi professionali, che evitano sapientemente gli sfondi lucidi/metallizzati, meno leggibili), molto ricco di scritte e indicatori, sia analogici che digitali.

Le sfere sono tre: di forma semplice e rivestite di materiale luminescente quelle di ore e minuti, mentre quella dei secondi è rossa e presenta le classiche “tre punte” Citizen sulla coda, vicino alla base di attacco.

I contatori analogici, di forma circolare, sono quattro, disposti alle ore 12, 2 e 6 e 10; mentre quelli digitali sono due: uno, rettangolare, più piccolo, alle ore 9 e l’altro, di forma rettangolare smussata da un lato, a più righe, si trova nel quarto inferiore destro del quadrante.

Il contatore circolare in alto a sinistra mostra il livello di carica della batteria solare e la modalità di ricezione radio (USA, EUR, JPN); quello alle ore 12, con due sfere, mostra l’orario universale mondiale (UTC), quello alle ore 2 indica le 24 ore e, infine, quello alle ore 6 è il consueto indicatore analogico della funzione attiva dell’orologio (TRM, CHR, WT-S, Al-1, Al-2, RX-S, TIME e CAL), che si aziona mediante rotazione della corona.

Le finestrelle digitali (dotate di una bella retroilluminazione ambra, purtroppo non uniforme in quanto proveniente dell’alto) sono invece associate alle funzioni avanzate dell’orologio, quali doppio fuso orario, calendario, chrono, timer e sveglie.

La cassa, dalla classica linea “a uovo”, è in titanio opaco/satinato, così come il bracciale, anch’esso in titanio (a cinque grane; quelle centrali, più strette, sono lucide e creano un gradevole contrasto a fianco delle altre tre).

L’ampio quadrante, circolare, è incorniciato da una ghiera nera con scritte bianche, dotata di regolo calcolatore. L’anello più esterno dei due che compongo la ghiera è mobile e può ruotare sia in senso orario che antiorario; per facilitarne la presa, sono presenti degli inserti cromati in corrispondenza dei 12 indici delle ore, che contribuiscono a rendere ancora più raffinato e accattivante il design dell’oggetto.

Sin dal primo contatto, sono rimasto affascinato dal Super Skyhawk: è un orologio dalla linea intramontabile e, al tempo stesso, ricco di funzioni e di tecnologia (proprio come piace a me!).

Una volta indossato, poi, le soddisfazioni continuano: il peso dell’orologio è talmente contenuto che quasi non si stente, ma quando si ruota il polso per consultare l’ora, lo sguardo viene letteralmente rapito dal quadrante ricco di informazioni, un po’ affollato (bisogna ammetterlo!), ma perfettamente leggibile, merito anche della presenza delle finestre LCD, che possono visualizzare sia l’ora che il calendario (a scelta).

Insomma, che dire…anche questa volta Citizen non mi ha deluso, anzi! Nonostante la spesa (680€) cominci ad essere abbastanza impegnativa, non ci sono (almeno credo) alternative altrettanto valide sul mercato…non mi viene in mente nessun altro pilot solare, radiocontrollato tribanda analogico-digitale in titanio…

A quanto mi risulta, quella in mio possesso è la terza generazione di Skyhawk, che è nata come semplice UTC/GMT analogico-digitale al quarzo, per diventare poi Eco-Drive e Radio-Controllato, fino a guadagnarsi una nobile veste in titanio con vetro zaffiro.

Per gli appassionati di aeronautica (ma non solo!) esistono anche alcune serie speciali, dedicate a varie squadre di aviazione americane (“Blue Angel” e “Red Devil”), tuttora reperibili sul mercato internazionale (non so se il canale ufficiale italiano le ha mai proposte nel nostro Paese) e ambite dagli amanti del genere e dai collezionisti.

Io, personalmente, preferisco la classica versione “no brand”, che non rischia mai di stancare col passare del tempo, a causa di loghi e colorazioni particolari (più o meno vistose) sparse qua e là su quadrante e fondello.

Ad ogni modo, e gusti (personalissimi) a parte, trovo che lo Skyhawk sia un oggetto dal fascino unico, che merita senz’altro di trovare un posticino nel cuore (e nel cofanetto porta orologi, eh! eh!) dei Citizenofili che, come me, amano questi orologi sia per il design, sia per la qualità e tecnologia che li caratterizza e che mette d’accordo sia i tradizionalisti sia gli amanti dell’high-tech come me.

Un saluto a tutti gli amici di questo fantastico mondo,

Marco Paolillo

Gli Orologi Citizen In Vendita Nel Nostro Shop

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *