OROLOGIO CON PROFONDIMETRO LAURENS.

L’amico Marco, che gestisce con il fratello Luigi la prestigioso negozio conosciuto come Orologeria Limbiati, in Via Roma a Sesto Calende, mi ha chiesto di testare l’Orologio con Profondimetro della Laurens dicendomi: “…guarda, si tratta di un prodotto economico, venduto a 49 euro, non aspettarti niente di che…ma vorrei un giudizio schietto e sincero…” ed io ho accettato con entusiasmo.

Foto di Gruppo tra Profondimetri

Foto di Gruppo tra Profondimetri

L’orologio è di aspetto gradevole, in materiale antiurto nero e quadrante digitale con i tipici quattro pulsanti di colore arancio oppure giallo: il tipico design dell’orologio sportivo. Ma la leggerezza e le dimensioni non esagerate lo rendono adatto a tutti i polsi e in tutte le occasioni.

Aprendo la confezione, anch’essa minimalista dato il prezzo dell’oggetto, si ha però il piacere di trovare un minuscolo manuale completamente in italiano: una vera rarità!

 

 

 

L’orologio, retroilluminato per una chiara visione notturna, ha in pratica 6 funzioni:

  1. Orologio con datario, con possibilità di scelta tra l’indicazione delle 12 o delle 24 ore
  2. Profondimetro
  3. Memoria di 20 immersioni
  4. Countdown
  5. Cronometro
  6. Sveglia

Purtroppo però si nota subito che la lunetta contaminati, che negli orologi analogici è unidirezionale antioraria e serve a misurare il tempo di permanenza in acqua, è qui bidirezionale: se ne evince che la sua presenza è puramente estetica.

Il luogo scelto per la prova è la sede del Club sommozzatori di Belgirate. Mi accompagna nell’immersione l’amico e compagno di immersione Simone P.

I dati che verranno rilevati dall’orologio Laurens in prova, saranno confrontati con i dati del famoso Citizen Aqualand, l’orologio per subaquei per eccellenza, che fino ad oggi non ha rivali sul mercato per completezza di dati, e con quelli del computer da immersione M1 della Mares.

E’ uno stupendo pomeriggio di primavera. L’aria mite invoglia a fare un “tuffo” nelle gelide acque del Lago Maggiore. Per me è anche la prima immersione stagionale.

Simone Colombo CMAS 3 Stelle

Simone Colombo CMAS 3 Stelle

Dunque, dopo aver illustrato al mio compagno d’immersione le funzioni dell’orologio Laurens, prepariamo le nostre attrezzature e, indossate le mute stagne, ci prepariamo ad immergerci. Attivo la funzione Diving dell’orologio premendo il pulsante in basso a sinistra e partiamo.

Alla profondità di -7 mt Il Club Sommozzatori di Belgirate dispone di una piattaforma alla quale sagolo la mia boa segnasub. A questo punto do una prima occhiata a tutti gli strumenti ma noto che l’orologio Laurens non mi dice ciò che mi aspetto: cioè non segna la profondità!!

 

 

Sebbene il manuale di istruzioni dica di non premere i pulsanti in immersione, io lo faccio lo stesso, schiacciandoli un po’ a casaccio, nella vana speranza di veder comparire su quadrante il dato che ci interessa. Ma non succede nulla e continuo a visualizzare solo la data e l’ora. L’immersione prosegue comunque, secondo il programma prestabilito fino alla profondità di -28 mt.

Usciti dall’acqua controllo se almeno nella memoria dell’orologio è rimasto qualche dato, ma nulla è stato registrato.

Non senza dispiacere torno nel negozio di Marco e gli racconto l’accaduto. Rileggiamo attentamente le istruzioni e notiamo che, effettivamente l’orologio Laurens non è dotato di sensore di umidità. Così, nella speranza che “..forse ho sbagliato qualcosa…” decidiamo di testare un secondo orologio.

Il giorno seguente, sempre accompagnato da Simone P., procediamo ad una nuova sessione del test. Questa volta, teatro della prova in acqua è la spiaggia di Caldé, sulla sponda lombarda del Lago Maggiore: qui sono adagiati i relitti di due barconi per il trasporto di sabbia affondati dai partigiani in tempo di guerra affinché non fossero utilizzati dai tedeschi per il trasporto delle truppe.

Anche oggi è una calda giornata di primavera e l’acqua è particolarmente limpida.

Indossiamo muta, attrezzatura e strumenti, ma questa volta, dopo aver premuto il pulsante in basso a sinistra per attivare la funzione Diving, premo anche il pulsante in alto a destra il quale ha funzione di start: in effetti ora si vede la figura di un piccolo subacqueo che lampeggia. Questa volta ci siamo: la funzione è attivata.

I dati che leggo per tutto il corso dell’immersione sull’orologio Laurens sono assolutamente identici a quelli forniti dall’orologio Citizen e si discostano un poco da quelli del computer subacqueo Mares: ciò è dovuto al fatto che gli orologi sono settati di fabbrica per rilevare la profondità in acqua di mare, più densa dell’acqua dolce, mentre il computer subacqueo permette all’utente di settare anche l’acqua dolce per fornire dati più precisi.

Al termine dell’immersione anche la funzione di memoria dell’orologio ha fatto il suo dovere registrando i dati dell’immersione: data, profondità massima raggiunta, ora dell’immersione e la temperatura dell’acqua.

Concludo dicendo che sono stato soddisfatto della prova e della precisione dei dati forniti dall’orologio Laurens.

Tuttavia, sebbene sia un oggetto molto gradevole dal punto di vista estetico e ad un costo molto contenuto, è di concezione troppo spartana per entrare a far parte di diritto del modo della subaquea perché privo di alcuni elementi essenziali come il di sensore di umidità, che permette all’orologio di innescare la funzione di Diver automaticamente, la ghiera analogica, ma soprattutto è privo di allarmi di risalita. Nel mondo della subaquea, dove il concetto fondamentale è la ridondanza, si è più alla ricerca di elevate prestazioni che non di bassi costi.

Per un subacqueo i dati forniti dagli strumenti sono di importanza vitale, perciò anche il sub meno esigente è disposto a spendere cifre ben più elevate per avere strumenti affidabili e sicuri.

Dico ciò perché sia di sprono alla Lorenz, un’azienda di alto livello, a produrre un orologio più adeguato alle esigenze dei subaquei dal punto di vista delle prestazioni, magari contenendo il prezzo grazie a cassa e cinturino in materiali sintetici anziché in acciaio.

L’attuale modello  Laurens, a mio parere, è più adatto alla pratica dello snorkel, dalla quale prende il nome e si ispira, e forse, ma non sono in grado di giudicare correttamente, alla pratica dell’apnea.

Simone Colombo

CMAS 3 stelle e accompagnatore subacqueo. FIPSAS

[wp_bannerize group=”form-laurens”]

2 commenti
  1. ecalzo
    ecalzo dice:

    Salve , leggo con piacere questa recensione perche’ il laurens interessa anche a me.Credo che sia indicato come strumento di backup per open diver sub (come me) cioe’ per chi va fino a circa -20m (per l’esattezza -18m)..Comprendo che il sensore di umidita’ sia ormai su tutti gli strumenti di maggior pregio e quindi ,per i sub che fanno centinaia di immersioni, un must o una cosa da avere a tutti i costi… pero’ non dimentichiamoci appunto dei costi… o del costo dello strumento di backup…… perche’ se scendo in acqua per immergermi con bombole…… serve per forza il compuer da sub (che e’ obbligatorio) e deve funzionare assolutamente (per la mia sicurezza)…..pertanto devo anche essere certo del suo buono stato prima di recarmi a fare l’immersione…..devo controllarne la batteria e le condizioni generali… il secondo strumento , che potrebbe anche essere un normale orologio da sub , perche’ in caso di noie al computer, con il solo orologio a mia disposizione usero’ le tabelle……. potrebbe pero’ anche essere sostituito egregiamente dal laurens m077… questo perche’………ho l’ora , il crono e mi dice anche la profondita’…. per la velocita’ di risalita mi manterro’ al di sotto delle bolle che faccio dall’erogatore…..giunti al dunque quindi…….se ci serve uno strumento di backup per il nostro computer da immersione (che ripeto deve funzionare e devo fare di tutto perche’ sia al massimo del suo stato…… sempre)… vi sentite di consigliarlo?? perche’ senno’ ……….se serve x forza un aqualand come backup…. tanto vale comprarsi 2 computer da sub… poiche’ gli aqualand sono molto molto costosi… almeno 200 o 250 euro… percio’ tanto vale prendere 2 computer sub No??? speroproprio mi rispondiate su questa interessante disamina…. saluti

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *