Orologio Tissot PRS 516

Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta dei nuovi modelli del brand Tissot, presentandone Oggi uno che si annovera di diritto tra “i primi della classe”, il bellissimo Orologio Tissot PRS 516.

Questo modello di orologio rievoca una tappa straordinaria nella storia del marchio: il 1965, anno in cui venne realizzato un orologio ispirato a un’auto da corsa.

 

Orologio Tissot PRS 516

Orologio Tissot PRS 516

 

La riedizione di questo modello conserva alcuni dettagli famosi, tra cui possiamo annoverare il cinturino traforato che ricorda il volante delle auto e gli eleganti indici che donano un tocco vintage.

Ma sono le sue nuove caratteristiche a farne un modello accattivante: il fondello dalla forma aerodinamica leggermente curva presenta un’elegante lunetta nera con pulsanti che richiamano i pistoni di un motore, mentre i materiali resistenti e il nuovo movimento rendono questo orologio straordinario anche dal punto di vista delle caratteristiche tecniche.

Anche per l’Orologio Tissot PRS 516 non manca il movimento automatico Swiss made, la cassa in acciaio 316L con fondello a vista, il vetro zaffiro antigraffio con trattamento antiriflesso su entrambi i lati, impermeabilità fino a 100 metri, e due varianti per allacciarlo al polso: bracciale in acciaio (sempre 316L) con chiusura a farfalla con pulsanti oppure cinturino in pelle con chiusura standard con pulsanti.

Indossato, Tissot PRS 516 trasmette la stessa idea di potenza di una moto che sfreccia, del motore di un’auto da corsa, ricordandone la bellezza in ogni singolo dettaglio.

Un modello dedicato a chi non vuole passare inosservato, per coloro che amano indossare un gioiello elegante ma possente, che non amano l’indecisione né i compromessi, che hanno il coraggio di essere se stessi fino in fondo.

Esattamente come chi ama lo stile motoristico e vuole affrontare la vita con fare ruggente, scandendo ogni giornata di bellezza e stile.

Proprio come lo è il Tissot PRS 516!

Alessandra De Sortis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *