Polar CS400 protagonista da Balmuccia a Rima.

rima.jpg

E’ una salita che scorre tranquillamente, uniforme e stretta nella Valle Sermenza, verso Rima passando da Balmuccia.

Pittoreschi abitati valsesiani, freschi boschi e prati dal verde sfavillante fanno da cornice ad una salita ideale per iniziare la stagione : dalle difficoltà ciclistiche minime, solo nel finale diventa impegnativa, è stata affrontata dal ns.GianLuca mai solo con il Suo Bike Computer Polar CS400.

Punteggi. Difficoltà 6,5. Valore paesaggistico 7.

Equipaggiamento speciale. Giacca anti-vento per la parte iniziale della discesa. Zainetto idrico o borracce con capienza totale di 800 ml. Io ho portato anche il mio inseparabile Polar CS400, azzerando il chilometraggio e tarando l’altitudine a Balmuccia (560 m).

Rapporti consigliati. La salita può essere affrontata senza preoccupazioni con un 34 anteriore e un 25 posteriore (o accoppiata equivalente).

cartina-balmuccia-rima.jpg

Descrizione del percorso.

In automobile. Si raggiunge Borgosesia costeggiando la sponda ovest del Sesia (in pratica da Gattinara), in modo da non dover attraversare la cittadina. Si segue la tangenziale per Varallo / Alagna. All’uscita di Borgosesia, sul ciglio sinistro della strada, ci sono alcune piazzole ove è possibile lasciare l’auto. La salita inizia solo dopo Varallo, cosicché si hanno a disposizione circa 15 km per il riscaldamento.
In bicicletta. Si segue sempre la SS 299 in direzione di Alagna. Giunti all’altezza di Varallo si prosegue sulla tangenziale e quindi, oltre Varallo, fino a Balmuccia. A questo punto si segue la deviazione sulla destra per Rima / Rimasco/ Carcoforo. A Rimasco, in pieno paese, al bivio per Rima / Carcoforo si prosegue sulla sinistra (Rima). La salita diviene a questo punto più impegnativa, snodandosi con pendenze intorno all’8-10% nella valle del torrente Sermenza; gli ultimi 1500 m sono a tornanti, mai però troppo impegnativi.

rima-2.jpg

Dati tecnici (rilevati con Polar CS400). Salita da Balmuccia a Rima: lunghezza 17,7 km; pendenza media 4,8%; pendenza massima 14%; tempo necessario circa 1 ora e 10 minuti. Lunghezza dell’intero tour proposto circa 68 km, con dislivello totale scalato in ascesa di 1107 m. La temperatura a valle era di 27°C.

Esposizione. La salita a Rima, a partire da Rimasco, è quasi tutta a cielo aperto; tuttavia, la particolare conformazione della valle fa sì che numerosi tratti risultino in ombra.

Punti di ristoro. Si incontrano fonti acqua sul margine destro della strada, all’uscita di Bettola, poi a Balmuccia (subito dopo la deviazione per Rima dalla SS 299), a Boccioleto, a Fervento e circa 1 km dopo Fervento.

Traffico motoristico. Da Balmuccia a Rimasco è moderato; da Rimasco a Rima scarso.

Fondo stradale. Buono per tutto il percorso (è possibile la discesa veloce).

Impressioni. La salita scorre tranquilla e uniforme nella stretta Valle Sermenza, le cui maggiori attrattive sono i pittoreschi abitati valsesiani intervallati a freschi boschi e prati dal verde sfavillante, e la possibilità di respirare aria buona grazie alla virtuale assenza di traffico motorizzato. È un’ottima salita di allenamento con cui iniziare la stagione.

balmuccia-rima.jpg

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *